Molto spesso nel controllo della farina di cemento è importante fare campionamenti frequenti, per eseguire controlli analitici e garantire la qualità del prodotto.

Inserire un sistema automatizzato all’interno di una linea produttiva può non essere semplice e creare flussi di produzione discontinui, con conseguenti problematiche per tutto l’impianto. Herzog è in grado di progettare e produrre sistemi all’avanguardia per l’industria del cemento, che automatizzano sia la fase di campionamento dalla linea, sia la preparazione del campione ed infine l’analisi.

Interfaccia Automatizzata AtLine

AtLine Lab è il sistema Herzog in grado di eseguire tutte le operazioni ed interfacciarsi con sistemi esterni, gestendo le tempistiche di campionamento come da impostazioni dell’operatore. AtLine viene collocato direttamente nei pressi della linea produttiva, ottimizzando così tutte le fasi di trasporto del campione. Il sistema è costituito da un mixer di raccolta del materiale veicolato, ad esempio, da un campionatore a coclea o da canaletta. Nel mixer si crea un campione omogeneo, che viene quindi dosato in modo volumetrico per essere poi preparato all’interno di un sistema combinato mulino/pressa della serie HP-MP e successivamente analizzato. 

Il mulino pressa combinato HP-MP è in grado di eseguire la macinazione del campione alla finezza richiesta dall’operatore per l’esecuzione dell’analisi in fluorescenza a raggi X, pressando poi il materiale preparato in un anello di acciaio. Questo sistema offre la possibilità di impostare molti parametri, tra cui la velocità e il tempo di macinazione, gestendo in modo completo anche campioni difficili da macinare evitando, ad esempio, che minerali che reagiscono a sollecitazioni meccaniche perdano la struttura cristallina e possano quindi essere analizzati senza errori con diffrattometri a raggi X.

Il sistema AtLine Lab nasce per rispondere alle esigenze dell’industria del cemento, potendo lavorare con tutte le tipologie di campioni presenti in questa tipologia di industria. Grazie all’ottimizzazione dei tempi e alla velocità delle macchine utilizzate, è possibile analizzare fino a 7 campioni all’ora.

L’ingombro dell’AtLine è molto ridotto e quindi è utilizzabile anche in impianti piccoli o con spazi limitati. Lo spazio nella cabina è ottimizzato per rendere accessibile l’HP-MP e l’analizzatore. Inoltre, le pareti laterali della cabina possono essere rimosse in modo da poter eseguire senza difficoltà le operazioni di manutenzione.

L’Atline Lab è progettato per mantenere i livelli di polvere all’interno della cabina il più bassi possibile, mentre un sistema di condizionamento dell’aria garantisce la corretta temperatura per la preparazione e l’analisi del campione.

Poiché il laboratorio AtLine è completamente automatizzato, non è richiesta la presenza dell’operatore nel laboratorio container; devono essere eseguiti solo lavori di manutenzione ordinaria e controlli periodici.

In combinazione con il nuovo PrepMaster Analytics, i dati del laboratorio AtLine possono essere visualizzati nel laboratorio centrale o nella sala di controllo e utilizzati per controllare la miscelazione. In alternativa, questa operazione può anche essere eseguita automaticamente da PrepMaster.